Devi attivare JavaScript sul tuo browser per visualizzare corettamente questo sito

Scenario 2020 tra Cigni Verdi e Oceani Blu

Il 2020 rappresenta un momento di rinnovamento per l’attuale governance occidentale: è iniziato con l’entrata in carica della nuova Commissione Europea e terminerà con le elezioni americane di Novembre.
L’economia globale ha subito l’impatto improvviso del Coronavirus che si presenta come una patologia molto insidiosa. Risultano, inoltre, sempre più evidenti i cambiamenti climatici che da soli potrebbero avere effetti devastanti e imprevedibili su molte aree del mondo.
È stato previsto che nel prossimo futuro potrebbe verificarsi un “cigno verde”, una crisi ambientale in grado di scatenare da sola una crisi economica. Tuttavia i mercati finanziari continuano ad avere valutazioni elevate anche perchè mai come oggi il mondo è pieno di oceani blu, nuove opportunità da esplorare grazie alla globalizzazione e allo sviluppo tecnologico.

Quali scenari attendono le imprese che operano in Italia e sui mercati internazionali? Come operare in un mondo dove fattori non economici e imprevedibili possono mutare drasticamente le condizioni di mercato in tempi brevissimi? Di questo e di molto altro parleremo nella diretta webinar con i nostri esperti.
Relatori

Gregorio De Felice

Chief Economist
Banca Intesa SanPaolo

Gregorio De Felice è Head of Research and Chief Economist, Intesa Sanpaolo. Nel 1983 inizia a lavorare presso l'Ufficio Studi della Banca Commerciale Italiana (BCI), di cui diventa responsabile nel 1995. Tra il 1994 e il 1999 collabora al corso di Economia e Politica Monetaria presso l'Università Bocconi. Dal 2007 al 2010, presidente dell'AIAF (Associazione Italiana per l'Analisi Finanziaria). Dal 2015 al 2018, presidente dell'ICCBE (International Conference of Commercial Bank Economists). E' membro del Chief Economists' Group dell'EBF (European Banking Federation) e dei CdA di Prometeia, ISPI, Fondazione Partnership per Bocconi, Associazione per lo Sviluppo degli Studi di Banca e Borsa (ASSBB), Associazione Nazionale per l'Enciclopedia della Banca e della Borsa (Assonebb), SRM (Associazione Studi e Ricerche per il Mezzogiorno), GEI (Gruppo Economisti di Impresa), AIP (Associazione Italiana Politiche Industriali), Fondazione Bruno Visentini, Fondazione Manlio Masi, Fondazione Robert Triffin International (RTI), Rete Urbana delle Rappresentanze (RUR) e di alcuni fondi pensione del Gruppo Intesa Sanpaolo.

Paolo Magri

Vice Presidente Esecutivo
ISPI
National Coordinator and Chair
T20/G20 Italy

Paolo Magri è Vice Presidente Esecutivo dell’ISPI e docente di Relazioni Internazionali all'Università Bocconi.
È Membro del Comitato Strategico del Ministero degli Affari Esteri; membro dello Europe Policy Group del World Economic Forum (Davos); membro dell'Advisory Board di Assolombarda e del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Italia-Cina. È inoltre membro del Comitato Scientifico di: Centro di Eccellenza per le Stability Police Units (CoESPU); Centro Militare di Studi Strategici (Ce.Mi.S.S.); Fondazione Italia per il dono Onlus.
Giornalista pubblicista, è regolarmente ospite in qualità di commentatore presso reti televisive e radiofoniche.

Luca Paolazzi

Economista e Advisor
Ceresio Investors:
"L'impatto sulle economie"

Luca Paolazzi, laureato con lode in Economia politica all'Università Bocconi di Milano, dal 2007 al 2018 ha diretto il Centro Studi Confindustria. Dal 1984 al 1986 ha lavorato come analista economico nell'ufficio studi Fiat. Professore a contratto (corso sull’Euro) all'Università di Palermo nel 1997. Dal 1989 al 2007 è stato inviato del Sole­24 Ore, dove dal 2005 ha assunto la carica di coordinatore dei commenti e delle analisi economiche. Dal 1999 al 2010 è stato consulente scientifico della Fondazione Curella. È membro dal 2006 al 2010 del Comitato scientifico ISTAO, dal 1998 del GEI (Gruppo economisti di impresa) e dal 2012 al 2018 del CUIS (Commissione degli utenti dell’informazione statistica Istat). Dal 2010 al 2013 è stato membro dell’ESAC (European Statistical advisory Committee di Eurostat). È autore e curatore di numerose pubblicazioni di carattere economico e divulgativo.
È vincitore di tre premi per il giornalismo economico: Premio Q8 nel 1993; Premio Giuseppe Brizio nel 1994; Premio Lingotto nel 1999.